image
image
image
image

Ricette "speciali", alcune suggerita da Ns. lettori/clienti, di facile esecuzione e spesso anche veloci da preparare, in cui l'aroma e il sapore del Ns. olio viene esaltato in modo particolare.
E' importante sapere che l'olio extra-vergine di oliva, oltre ad un elevato valore nutrizionale, ha anche un pregio organolettico che è dovuto al territorio di produzione delle olive, alle varietà degli oliveti, alle tecniche di conservazione e lavorazione dei frutti.

Risotto al Nero di Olive
  • 300 g di riso
  • 300 g di olive nere snocciolate in olio extra vergine di oliva
  • 1 limone
  • 200 g di bresaola tagliata spessa
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • pepe
  • prezzemolo
Cuocete il riso in acqua salata, scolatelo e lasciate raffreddare. Mettete nel Frullatore le olive e 2 cucchiai d'olio extra vergine di oliva. Tagliate la bresaola a cubetti e tritate il prezzemolo. Mettere, in una terrina, il riso, la bresaola, il prezzemolo, la polpa di olive, l'olio rimasto, il pepe e il succo di limone. Mescolate bene il tutto e servite.
Pasta e Fagioli
  • 250 g di borlotti secchi (o 500 g freschi)
  • 100 g di pasta corta (tipo ditalini)
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 2 dadi vegetali
  • 1 rametto di rosmarino
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe nero
La sera prima mettete a bagno i fagioli secchi in un litro di acqua e un cucchiaio di farina ben mescolato. Al mattino affettate la carota, la cipolla e il sedano, fateli rinvenire in un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva quindi aggiungete un litro e mezzo d'acqua, buttatevi i fagioli, portate lentamente a bollore e fate cuocere a fuoco bassissimo per 40 minuti. Prendete ora due mestoli di fagioli e teneteli da parte, passate il resto nel passaverdura. Rimettete tutto sul fuoco, aggiungete i dadi vegetali e quando bolle buttate la pasta e il rosmarino, lasciate cuocere il tempo necessario. In ultimo correggete di sale, pepe macinato al momento e un giro di olio extra vergine di oliva crudo. Si gusta anche senza parmigiano.
Spaghetti Aglio, Olio e Peperoncino
  • 320 g di spaghetti
  • 3 cucchiai d’ olio extra-vergine d’ oliva
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 peperoncino rosso
  • sale
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata. In una padella, amalgamate l'olio, un mestolino di acqua di cottura della pasta, gli spicchi d’aglio interi e il peperoncino spezzato. Scolate gli spaghetti mantenendoli molto al dente e passateli in padella dopo aver eliminato l’aglio. Cospargete gli spaghetti con il prezzemolo e servite immediatamente.
Pomodorini Gratinati
  • 12 piccoli pomodorini tondi
  • 3 fette di pane a cassetta
  • olio extra vergine di oliva
  • prezzemolo
  • aglio
  • sale e pepe
Tagliate i pomodorini a metà , svuotateli dai semi, salateli all'interno e fateli scolare per qualche tempo capovolti su un piatto. Togliete la crosta dal pane, sbriciolate la mollica e mescolatela ad un trito abbondante di prezzemolo e aglio, salate, pepate e condite con l'olio extra vergine di oliva. Mettete su ogni mezzo pomodoro un pò di questo composto poi allineateli tutti sulla piastra del forno unta d'olio. Infornate alla massima temperatura, meglio al grill. Cuocete finchò saranno gratinati. Ottimo anche come condimento per la pasta.
Salmone Marinato
  • 4 fette di salmone spinate e spellate, altezza massima 1.5 cm
  • 3 limoni
  • 1 uovo
  • 250 cc di olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaio di maizena
  • 4 foglie di lattuga
  • aneto e cerfoglio
  • sale e pepe
Mettete il salmone a marinare con molto limone, poco olio e sale. Preparate una maionese con un uovo, il cucchiaino di maizena e di olio. Correggete il sapore con sale e abbondante limone. Dopo 4 ore prendete le foglie di lattuga, mettetene una per piatto e adagiatevi sopra il salmone sgocciolato dal limone. Versate su ogni porzione una parte di maionese e infine spargete una manciata di aneto e cerfoglio tritato. In assenza vanno bene anche prezzemolo ed erba cipollina.
Crostini alle olive
  • 4 fette di pane casereccio
  • 250 g di chamignons freschi
  • 50 g di oolive snocciolate sott'olio
  • 1 spicchio di aglio tritato
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 6 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe
Pulire gli champignons, tritarli finemente e cospargerli con il succo di limone. Scaldare quattro cucchiai di olio in una padella con l'aglio e rosolare i funghi a fuoco vivo. Dorare le fette di pane in forno a 180 gradi. Spalmare le fette di pane con gli champignons e ricoprire con le olive snocciolate.
Pomodorini Sorpresa
  • 10 olive nere snocciolate in olio extra vergine
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 4 pomodori da insalata
  • 250 g di mozzarella
  • basilico
  • pepe nero
  • sale
Lavate e asciugate i pomodori, tagliate la calotta superiore e tenetela da parte. Svuotateli delicatamente all'interno, salateli e metteteli capovolti a scolare per 15 minuti. Tagliate la mozzarella a dadini, mettetela in una terrina, conditela con sale, pepe, olio, basilico e le olive snocciolate. Giratela e lasciatela riposare 7-8 minuti. Prendete i pomodori, asciugate l'interno con carta assorbente e riempiteli con la mozzarella. Coprite infine ciascun pomodoro con la propria calotta e servite.
Bruschetta con Olio alle Erbe
  • 12 fette di pane casereccio abbrustolito
  • olio extra vergine di oliva
  • timo secco
  • rosmarino
  • maggiorana
  • aglio tritato
Aggiungere all'olio extra vergine di oliva le erbe aromatiche e lasciare in infusione per qualche giorno. Strofinare uno spicchio d'aglio a caldo sulle fette abbrustolite. Salarle, peparle cospargerle di abbondante olio extra vergine alle erbe.
Pane con le Olive
  • 500 g di farina setacciata
  • 25 g di lievito naturale
  • 2 decilitri di acqua
  • 1 cipolla tritata fine
  • 150 g di olive nere snocciolate
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1cucchiaino di sale
Aggiungere all'olio extra vergine di oliva le erbe aromatiche e lasciare in infusione per qualche giorno. Strofinare uno spicchio d'aglio a caldo sulle fette abbrustolite. Salarle, peparle cospargerle di abbondante olio extra vergine alle erbe.
Olio Piccante
  • Peperoncino Rosso Piccante Fresco
  • Aceto Di Vino Non Troppo Forte
  • Olio D'oliva Extra-vergine
  • Acqua
Prendere un po' di peperoncino rosso fresco piccante di qualsiasi dimensione, tagliarlo a rotelline non più grosse di un centimetro, metterle in una teglia ricoprendole di aceto non troppo forte, se è il caso aggiungete un po' d'acqua, coprite con un piatto in modo che siano ben coperti dall'aceto, lasciare il tutto per 1 giorno, massimo 1/mezzo. Scolate l'aceto dai peperoncini e metteteli ad asciugare su un panno per 24 ore, dopodichè riempite i vasetti al di sotto dell'orlo, aggiungete l'olio d'oliva extra-vergine fino a riempire i vasetti. Dopo 3 mesi circa potrete gustare il migliore olio piccante mai assaggiato.
Si consiglia di non fare passare più di 6 mesi prima di consumare i peperoncini con bruschette, pasta, arrosti, insalate.
 

In uno studio comparativo dei regimi alimentari in sette paesi di tre continenti (Finlandia, Giappone, Grecia, Italia, Olanda, Stati Uniti e Jugoslavia), su campioni di soggetti, di età compresa tra 40 e 59 anni, i risultati raccolti parlano chiaro: tra le popolazioni del bacino del Mediterraneo, che si cibano in prevalenza di pasta, pesce, prodotti ortofrutticoli e utilizzano esclusivamente olio d’ oliva come condimento, la percentuale di mortalità per cardiopatia ischemica è molto più bassa dei soggetti di paesi come la Finlandia, dove il regime alimentare quotidiano include molti grassi saturi (burro, strutto, latte, carne rossa).

Le conclusioni di questo studio (suffragate da altre indagini epidemiologiche, ad esempio quella condotta in Giappone, in cui si paragonavano le abitudini alimentari locali con quelle di giapponesi immigrati nelle Hawaii e negli Stati Uniti che avevano “occidentalizzato” la loro dieta) affermavano incontestabilmente un legame tra la dieta povera di grassi saturi e il minor rischio di infarto.

Inoltre, gli italiani e i greci vivono mediamente più a lungo dei finlandesi e degli olandesi. Una dieta di tipo mediterraneo non è necessariamente “povera”, anzi, l’apporto calorico dei grassi è mediamente alto, ma è rappresentato quasi totalmente da olio d’ oliva; su queste basi, l’alimentazione risulta più equilibrata di molte delle “diete dimagranti” offerte dalla pubblicità come soluzione per ogni problema.



image